Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

ASCOLI PICENO

     ISMLDemo

Archivio Storico dell'Istituto

 
L’archivio di proprietà dell’Istituto di Storia raccoglie una miscellanea di documenti in copia, provenienti dall’Archivio Centrale dello Stato e dall'Archivio della Prefettura di Ascoli Piceno.
Le carte, suddivise in 15 buste, ci forniscono  documentazione relativi agli anni  dal 1912 al 1929  nella Provincia di Ascoli Piceno; due delle buste sono dedicate al 1944.

Leggi tutto

Stampa Email

Catalogo Fondo Giuseppe Cesari

Catalogo del fondo archivistico del Partito Socialista di Ascoli Piceno "Giuseppe Cesari" 1971-1993
Stampe, Riviste e Tesseramento
Congressi, Convegni e Conferenze
Elezioni

Leggi tutto

Stampa Email

Fondo privato di Angelo Guacci

L'Istituto ha ricevuto il fondo Angelo Guacci dalla figlia Maria Serena Guacci nel 1996.
Angelo Guacci nacque a Trani nel 1902, laureato in giurisprudenza,  si trasferì ad Ascoli nel 1935, entrò nell’antifascismo attivo nel 1942, si gettò nell’organizzazione clandestina del Partito d’Azione e nella Resistenza Picena. Egli proveniva dai ranghi degli ufficiali effettivi che avevano  frequentato l’Accademia militare e successivamente  un concorso lo portò nei ruoli dei funzionari di Prefettura. Fu il  primo Consigliere Prefettizio nella Prefettura di Ascoli Piceno. Morì nel 1995.

Leggi tutto

Stampa Email

La nostra Storia

Stampa Email

Fondo della Federazione provinciale del PSI di Ascoli Piceno

Fondo della Federazione provinciale del PSI di Ascoli Piceno  


Le carte sono state donate all’Istituto Provinciale di Storia Contemporanea dalla Federazione provinciale del PSI, che aveva sede in quegli anni in corso Mazzini a Palazzo Galli,   nel febbraio 1994, per desiderio di Giuseppe Cesari. 

Giuseppe Cesari nacque  il 26 luglio 1928 a Napoli, figlio di Giulio e di Penelope Rosati, conseguì la maturità classica e nel 1951 la laurea in medicina e chirurgia presso l’Università “La Sapienza” di Roma con 110 e lode.

Nel 1961 si specializzò  in Igiene e Profilassi presso l’Università di Genova ed iniziò la sua professione di medico igienista come aiuto dell’area medica presso l’Ufficio di Igiene e Profilassi di Ascoli Piceno fino a diventare Dirigente medico presso il “Palazzo della Sanità”. La sua attività di Direttore durò fino al pensionamento mentre assumeva altri incarichi: insegnante di Igiene e Profilassi della Scuola Infermieri presso l’Ospedale Mazzoni di Ascoli Piceno,  Presidente della Commissione Invalidi.
Fu insignito di medaglia d’oro per i 50 anni della sua professione medica.
Convinto antifascista ed esponente di spicco del Partito Socialista, di cui fu autorevole dirigente, partecipò attivamente alla vita politica portando nel dibattito i suoi ideali di giustizia sociale e di alto valore morale.
Ha ricoperto la carica di Assessore ai lavori pubblici del Comune di Ascoli Piceno per diversi periodi negli anni sessanta, impegnato nello sviluppo di opere importanti per l’urbanistica e i servizi della città, tra cui il piano regolatore, le fognature dell’ospedale e il regolamento della piscina di Ascoli Piceno.
Appassionato studioso di storia romana e medievale e della storia di Ascoli Piceno, membro di Amnesty International, del FAI, di Italia Nostra, ha dimostrato il suo grande interesse per la difesa dei diritti umani e per la preservazione del patrimonio artistico ambientale.
Socio fondatore dell’Istituto Provinciale per la Storia del Movimento di Liberazione nelle Marche e dell’età Contemporanea alla cui attività ha sempre contribuito con spirito critico e costruttivo.

Leggi tutto

Stampa Email

Fondo Storico della Cattedra ambulante di Agricoltura di Ascoli Piceno

Inventariazione del fondo librario, archivistico e fotografico della "Cattedra Ambulante di Agricoltura di Ascoli Piceno". Dopo aver effettuato una ricognizione del materiale archivistico, librario e fotografico, si è proceduto al suo riordinamento e alla sua inventariazione, allo scopo di organizzarlo in una mostra permanente che lo renderà fruibile alla cittadinanza permettendo così di ricostruire la storia dell' agricoltura del territorio Piceno nel Novecento.

Leggi tutto

Stampa Email