If 06 Facebook 104498 Hover
If 40 Google Plus 104464 Hover

ASCOLI PICENO

     ISMLDemo

Cattedra Ambulante di Agricoltura

PREMESSA GENERALE 

La Biblioteca Provinciale “Ugo Toria” conserva il fondo della Cattedra Ambulante di Agricoltura di Ascoli Piceno, ricca di materiali bibliografici (volumi e riviste), iconografici (fotografie, diapositive, matrici per stampa, ecc.), documentari. Il fondo viene messo a disposizione degli studiosi e degli appassionati al fine di recuperare e divulgare la memoria e le tradizioni del nostro territorio a secolare vocazione agricola, in modo che tale prezioso patrimonio diventi una ricchezza per la nostra comunità e per il suo futuro. 

La sezione locale dell’ISML gestisce il fondo grazie ad un progetto finanziato dalla Regione Marche che ha permesso, in una prima fase, di inventariare il materiale, pubblicare online i cataloghi dei volumi, delle riviste e delle fotografie. L’Istituto ha già intrapreso una serie di iniziative tese a diffondere e valorizzare i suddetti materiali: convegni, ricerche, laboratori didattici, pubblicazioni, ecc. 

In particolare, nei prossimi anni l’Istituto si propone di rafforzare questo asse di intervento attraverso la realizzazione di una indagine sul tema della mezzadria. Come noto, la mezzadria ha rappresentato la modalità di conduzione e gestione della terra per oltre sette secoli nel centro Italia e nelle Marche in particolare, segnando in maniera indelebile la storia, il paesaggio e l’identità della nostra regione. Nel dicembre 2017 è stato appunto presentato il progetto MEME (Memorie della Mezzadria – Mezzadria’s Memories) con l’obiettivo di recuperare e valorizzare parte del patrimonio materiale e immateriale lasciato in eredità da questa storia.

Stampa Email

0
0
0
s2sdefault

Fotografie

Il fondo della Cattedra Ambulante di Agricoltura di Ascoli Piceno comprende più di 1500 fotografie su diversi temi connessi all’agricoltura, scattate nei primi 60 anni del XX secolo.  La digitalizzazione di tutto il fondo è stato possibile grazie all’intervento dell’IIS “Celso Ulpiani” di Ascoli Piceno con cui l’ISML ha voluto condividere appunto quei materiali, perché riescano utili alla ricerca svolta presso la sezione agraria di quella scuola.

Tra le sezioni più interessanti contenute nel fondo da segnalare la serie delle fotografie sistematiche dei vari cultivar dell’olivo, presenti nel Piceno e dei bovini di razza. Interessanti e suggestive anche quelle dei partecipanti ai corsi tenuti dalla Cattedra negli anni ’20 del secolo scorso.

 In effetti, il fondo comprende anche altri materiali iconografici: vetrini, matrici da stampa (utilizzate a suo tempo dal bollettino della locale Cattedra Ambulante di Agricoltura, “L’Agricoltura Picena”), diapositive, filmini super8/16mm.

Stampa Email

0
0
0
s2sdefault

L'Albero di Maggio

 a cura di Gianluca Vagnarelli

L’albero (o palo) del primo maggio sormontato da una drappo rosso e issato ogni trenta aprile nelle piazze e agli incroci delle strade dei comuni del Piceno è un rito di origini antichissime. Affonda le sue radici nella celebrazione pagana del “maggio”, propria delle antiche civiltà agricole, ove aveva la funzione di propiziare la fertilità della terra e salutare l’arrivo della primavera. Fu però con gli alberi della libertà nati nel corso della Rivoluzione francese che assunse i connotati, prossimi a quelli attuali, di un rituale politico. Più tardi, tra la fine dell’Ottocento e gli inizi del Novecento, in coincidenza con il progressivo affermarsi della festa internazionale dei lavoratori, fu ripreso e rilanciato dal nascente movimento socialista giungendo in tal modo sino a noi.

Leggi tutto

Stampa Email

0
0
0
s2sdefault

La Negazione del Dissenso

Persecuzione e confino politico degli  antifascisti del Piceno (1926-1945)

Il database La Negazione del Dissenso è il risultato di una ricerca promossa dall’ISML di Ascoli Piceno e finanziato dalla Regione Marche nell’ambito delle celebrazioni per il 60° anniversario della Liberazione.
La ricerca, condotta presso l’Archivio di Stato di Ascoli Piceno e l’Archivio Centrale dello Stato di Roma, è consistita nella consultazione di circa 200 faldoni che compongono il fondo “vigilati politici” e nella realizzazione di schede biografiche attraverso le quali si è tentato di definire un quadro, quanto più esaustivo, del sistema repressivo fascista in una realtà specifica quale quella ascolana. L’universo di riferimento della ricerca ci ha portato a un’analisi che prende in esame non solo il fenomeno dell’antifascismo tout court, ma più in generale i vigilati politici, tutti coloro, cioè, che per il Regime potevano essere ricompresi nella definizione di “sovversivo”.

Leggi tutto

Stampa Email

0
0
0
s2sdefault

Libri e Riviste

Il fondo della Cattedra Ambulante di Agricoltura di Ascoli Piceno comprende circa 2000 volumi a stampa e più di 200 riviste sul tema dell’agricoltura. L’utente troverà i cataloghi dei libri e delle riviste in formato Excel: si è preferita questa soluzione per dar modo agli studiosi di poter trovare più agevolmente i materiali, ordinando i fogli xls secondo il criterio più funzionale allo scopo della ricerca.

Ci ripromettiamo in futuro di mettere online, in formato elettronico, materiali del fondo. Stiamo a questo proposito procedendo alla identificazione di quei volumi, opuscoli, documenti che possono essere utili per la ricostruzione della storia dell'agricoltura nel territorio piceno, e della Cattedra Ambulante in particolare, e che sono assenti dal web, allo scopo di metterli a disposizione degli studiosi.

Grazie alla collaborazione dell’Istituto con l’IIS “Celso Ulpiani” di Ascoli Piceno, pubblichiamo in appendice al nostro, anche il catalogo della Biblioteca Storica dell’Istituto Tecnico Agrario che comprende più di 500 volumi, tutti editi prima del XX secolo. Confidiamo che la cosa riesca utile ai ricercatori dando loro la possibilità di verificare in un colpo solo la disponibilità del materiale bibliografico in tema agricolo esistente nella città di Ascoli Piceno.

I documenti conservati nel fondo della Cattedra Ambulante di Agricoltura di Ascoli Piceno sono liberamente consultabili, previa domanda all’Istituto gestore che si riserva l’autorizzazione. Il materiale non è trasferibile fuori della biblioteca; lo studioso ne prende visione nei locali dell’Istituto, alla presenza dell’archivista o di altra persona designata dall’Istituto.

Stampa Email

0
0
0
s2sdefault
  • 1
  • 2